logo

Con "Aiuti" di Agenda urbana, si concretizza il più grande finanziamento all'iniziativa privata per il centro storico e l'intero territorio comunale.

“Anche opere immateriali per la rinascita reale e concreta di Cosenza Vecchia che, amo ribadirlo, rappresenta il nostro gioiello di famiglia più bello e prestigioso per il quale stiamo spendendo le nostre migliori energie”. E’ quanto afferma il sindaco Franz Caruso annunciando che sono pubblicate le graduatorie definitive di “Aiuti di Agenda Urbana” per la Competitività dei Sistemi Produttivi del Centro Storico di Cosenza e l’Inclusione Sociale di tutto il territorio cittadino. “Le risorse finanziarie finora messe a disposizione– prosegue il sindaco Franz Caruso - sono di oltre un milione e trecentomila euro per oltre trenta soggetti beneficiari, molti dei quali promotori di progetti che tendono a rivitalizzare il centro storico di Cosenza sotto il profilo culturale, economico e sociale. In particolare alle imprese ed agli enti del terzo settore è affidata la rigenerazione del nostro Centro Storico, mentre dalle associazioni, dalle imprese no profit e dal terzo settore ci aspettiamo effetti socialmente positivi di integrazione e sostegno all’inclusione. Tutte queste attività avranno la possibilità di insediarsi nei tre Hub culturali di “Casa delle Culture”, “LabOratorio di San Gaetano” e “Cinema Teatro A. Tieri”, ma anche negli spazi di social housing di Palazzo Marini Serra e degli edifici di Santa Lucia recuperati”. “E’ questo il più grande investimento rivolto all’iniziativa privata e sociale da almeno un decennio a questa parte – conclude Franz Caruso - che realizzerà le idee dei cosentini per la rigenerazione di Cosenza Vecchia e non solo”. “L’essenza del programma di Agenda Urbana - spiega Francesco Alimena, delegato del Sindaco al Centro Storico ed all’attuazione di Agenda Urbana – non è soltanto la rivitalizzazione degli spazi fisici della città vecchia, per i quali è stato espletato, all’interno dello stesso programma Aiuti, un bando ad hoc per la loro gestione, ma soprattutto la rivitalizzazione culturale e sociale di questi spazi attraverso attività imprenditoriali/commerciali in campo turistico, di promozione culturale, di spettacolo e audiovisivo e di promozione di attività creative e artigiane”. “Il coordinamento di tutte queste attività – incalza Francesco Alimena - avverrà attraverso un progetto di animazione territoriale, anche esso vincitore di un bando previsto in Aiuti, che si realizzerà nei prossimi mesi e che permetterà di raccontare tutto quanto accadrà a Cosenza Vecchia al resto della città e al mondo. Inoltre, gli Aiuti si rivolgono ad associazioni e imprese del terzo settore sostenendone le attività per tutta la città, proprio nell’ottica della coesione sociale tra Cosenza Vecchia e nuova, anch’essi coordinati da uno specifico programma di animazione e comunicazione. Fra i beneficiari troviamo progetti innovativi per famiglie in difficoltà o individui discriminati, progetti personalizzati per persone con disabilità e soggetti vulnerabili e/o a rischio discriminazione attraverso azioni di accompagnamento al lavoro. Si sperimenteranno, inoltre, modelli innovativi tesi a garantire il diritto all’abitare degno ed a contrastare il disagio abitativo, mediante servizi collettivi e di inclusione sociale nell’area urbana di Cosenza e Rende”. “Una volta attuato Agenda Urbana– conclude Francesco Alimena - e sprigionate le sue energie, sono fiducioso che non solo Cosenza Vecchia, ma l’intera città e tutta l’area urbana cambieranno volto”. I beneficiari dovranno trasmettere agli uffici comunali, settore 11, l’eventuale documentazione richiesta per la sottoscrizione dell’Atto di “Adesione ed Obbligo” entro 10 giorni dalla comunicazione degli esiti delle selezioni. In caso di mancata comunicazione entro i termini previsti, il beneficiario perde il diritto al contributo e l’Amministrazione avvierà le procedure di decadenza dal finanziamento. Gli uffici preposti verificheranno la documentazione prodotta dal beneficiario e con successivo atto provvederà a concedere il finanziamento.

Autore: Cinzia Gardi